Visite: 586

CONOSCIAMO LA STRUTTURA

Il Centro diurno socio-educativo e riabilitativo per disabili Giorgio Casoli, inaugurato nel 2014, è situato in via Carducci, n. 20 a Troia, un piccolo comune di circa 7.000 abitanti, della provincia di Foggia in Puglia.

 La struttura si sviluppa su unico livello e può ospitare, al momento, sino a 12 utenti.

La struttura interna è dotata di ampi spazi luminosi, per l’aggregazione e la socializzazione, e di accoglienti locali per lo svolgimento delle attività. L’arredamento è confortevole e funzionale. L’assenza di barriere architettoniche permette di muoversi agevolmente sia all’interno della struttura che all’esterno.

Al suo interno il Centro è suddiviso in diverse zone:

- una zona riposo in cui sono presenti confortevoli divani, un televisore e postazioni di personal computer dotate di strumenti (trackball switch per disabili con tasti grandi, tastiera XXL italiana, sensore a pressione di mano, sensore a movimento della testa con sostegno da tavolo, integramouse con controllo attraverso la bocca, sensore a soffio) e software facilitatori di ausilio differenziati a seconda del trattamento delle varie tipologie di handicap oltre che di connessione per la navigazione in rete;

- uno spazio amministrativo;

- un ambulatorio per le prestazioni riabilitative di mantenimento;

- un locale per lo svolgimento delle attività di socializzazione, educative, ricreative, ludico motorie e laboratoriali in cui è presente una lavagna interattiva touch screen e alcuni attrezzi ginnici;

- due servizi igienici per gli utenti e uno per il personale.

Visite: 557

GLI UTENTI DEL CENTRO

Il Centro è una struttura socio-assistenziale a ciclo diurno finalizzata al mantenimento e al recupero dei livelli di autonomia delle persone disabili e al sostegno delle famiglie (art. 60 R.R. 4/2007).

I destinatari sono ragazzi e adulti diversamente abili, anche psico-sensoriali, con notevole compromissione delle autonomie funzionali, che necessitano di prestazioni riabilitative a carattere sociosanitario. Attualmente, la ricettività massima è pari a 12 utenti.

Visite: 582

I PROFESSIONISTI

Coordinatore

  • Ricopre il ruolo di referente psico-pedagogico e organizzativo della struttura.

  • Ha la responsabilità della organizzazione interna del servizio, dell’intervento educativo contenuto nel piano delle attività e nelle programmazioni annuali elaborate d’intesa con gli educatori all’inizio dell’anno di lavoro.

  • Ha compiti di indirizzo e sostegno tecnico al lavoro degli operatori, di monitoraggio e verifica delle attività e dei percorsi educativi, della produzione di documentazione e/o comunicazioni.

  • Ha, inoltre, funzioni di referente per il Centro nei confronti degli Enti locali (Ambito Territoriale, Comune, Asl, ecc.).

  

Assistente Sociale

  • Facilita i nuovi ingressi tramite l’organizzazione di piani assistenziali.

  • Supporta la famiglia nella compilazione delle pratiche amministrative inerenti l’utente dall’inizio del rapporto (domanda d’ammissione), al momento dell’ingresso e durante tutta la permanenza nel Centro.

  • Collabora alla pianificazione e all’attuazione degli interventi educativi individualizzati.

  • È di supporto a ciascun utente e alle rispettive famiglie per ogni esigenza ed in particolare nel disbrigo di tutte le pratiche, attinenti ad Enti pubblici e Istituzioni esterne.

 

Educatori professionali

  • Progetta specifici interventi educativi dopo aver valutato le abilità e le potenzialità dei singoli soggetti.

  • Organizza e gestisce attività di laboratorio, in gruppo e/o individuali.

  • Costruisce relazioni significative con gli utenti anche attraverso la comunicazione non verbale, tonica ed emozionale.

 

Operatore Socio Sanitario

  • Assiste l’utente nelle attività quotidiane e di igiene personale.

  • Collabora all’attuazione degli interventi assistenziali.

  • Partecipa attivamente all’osservazione dei bisogni dell’utente.

  • Collabora alla verifica della qualità del servizio.

 

L’équipe del Centro è integrata da altre professionalità di supporto quali psicologi, tecnici della riabilitazione e della rieducazione funzionale (logopedisti, psicomotricisti, musicoterapisti, fisioterapisti) ma anche medici, avvocati, tirocinanti e soggetti del volontariato tra cui i volontari impegnati nei progetti del servizio civile nazionale.